Lo Sapevi che...

le concentrazioni di contaminanti presenti negli ambienti interni sono generalmente da 1 a 5 volte maggiori a quelle presenti negli ambienti esterni?
Approfondisci

Informazioni o preventivi?

Puoi chiamarci allo [+39] 0385.938020 oppure

Contattaci direttamente

Alisea News

12/09/2017

Certificazione ANMDO

La gestione igienica degli impianti di trattamento aria è un elemento di fondamentale importanza, per garantire una corretta qualità dell’aria respirata in ambiente indoor.  Come molti sanno, a livello internazionale le linee guida più conosciute, complete ed evolute in questa materia sono le ACR 2013 della NADCA (The HVAC Inspection, Cleaning and Restoration Association – www.nadca.com ).

Leggi Tutto

07/07/2017

LEGIONELLA E TORRI EVAPORATIVE

Una torre di raffreddamento è uno scambiatore di calore gas-liquido nel quale la fase liquida cede energia alla fase gassosa, riducendo così la propria temperatura. L’argomento è di grande attualità in quanto le torri di raffreddamento sono gli impianti maggiormente a rischio per la proliferazione del batterio Legionella.

Leggi Tutto

Caso di Legionella all'Aquila

Caso di legionella all’Aquila, acqua calda vietata nel progetto Case di Roio

All'ingresso di una piastra del progetto Case di Roio è stato affisso un foglio di carta dove si invitano le persone a non fare uso di acqua calda fino al due gennaio. Un avviso che – sulla base della segnalazione di alcuni residenti – sarebbe legato a un presunto caso di legionella, il pericolosissimo batterio che colpisce l’apparato respiratorio. Una persona che vive in uno degli alloggi antisismici di questo quartiere Case è stata ricoverata all'ospedale San Salvatore negli ultimi giorni, anche se - a detta dei medici infettivologi a lavoro alla Asl - è tutto da dimostrare il collegamento tra l'appartamento di residenza e la patologia.
Le reti di ricircolo di acqua calda negli impianti idrico-sanitari, costituiscono dei siti favorevoli per la diffusione del batterio. Proprio per questo motivo, la Asl sta eseguendo - in sinergia col Comune - una procedura di bonifica attraverso uno choc termico dell'impianto, accentuando il surriscaldamento idrico. Di qui, l'invito a non utilizzare l'acqua calda potrebbe essere più legato a sbalzi termici che altro. “La presenza del batterio viene rilevata spesso in locali pubblici, come piscine e ambienti che hanno grandi impianti di condizionamento - ha spiegato il sindaco - in questo caso, è stato riscontrato un quantitativo minimo, ma che ha fatto scattare comunque la procedura di bonifica”.
Lo scorso anno, delle verifiche erano scattate all'interno della Reiss Romoli, per prevenire la diffusione del batterio all'interno delle residenze studentesca.

Leggi qui l'articolo completo: Il Centro