Lo Sapevi che...

le sale operatorie sono considerati ambienti a rischio, sia per i pazienti che per gli operatori sanitari che vi lavorano?
Approfondisci

Informazioni o preventivi?

Puoi chiamarci allo [+39] 0385.938020 oppure

Contattaci direttamente

Alisea News

12/09/2017

Certificazione ANMDO

La gestione igienica degli impianti di trattamento aria è un elemento di fondamentale importanza, per garantire una corretta qualità dell’aria respirata in ambiente indoor.  Come molti sanno, a livello internazionale le linee guida più conosciute, complete ed evolute in questa materia sono le ACR 2013 della NADCA (The HVAC Inspection, Cleaning and Restoration Association – www.nadca.com ).

Leggi Tutto

07/07/2017

LEGIONELLA E TORRI EVAPORATIVE

Una torre di raffreddamento è uno scambiatore di calore gas-liquido nel quale la fase liquida cede energia alla fase gassosa, riducendo così la propria temperatura. L’argomento è di grande attualità in quanto le torri di raffreddamento sono gli impianti maggiormente a rischio per la proliferazione del batterio Legionella.

Leggi Tutto

Inquinamento in casa

L'inquinamento tra le pareti di casa causa più di 4 milioni di morti all'anno

L'inquinamento indoor, ossia tra le pareti domestiche, può causare la morte. L'Organizzazione mondiale della sanità gli attribuisce 4,3 milioni di decessi all'anno nel mondo. Principali responsabili le emissioni che derivano da stufe a carbone, caloriferi e lampade a carburante. Un problema che riguarda soprattutto i Paesi a basso e medio reddito.
Il 34% di queste morti è causato da ictus, il 26% da malattie cardiologiche ischemiche, il 22% da malattie polmonari ostruttive croniche, il 12% da polmonite infantile e il 6% da cancro ai polmoni.

Malattie provocate soprattutto dagli alti livelli di particolato fine e monossido di carbonio rilasciati da combustibili solidi che bruciano, come legno, carbone, letame, carbonella in stufe inefficienti, caloriferi o lampade, che possono raggiungere livelli cento volte superiori a quelli raccomandati dall'Oms.

Per bloccare il fenomeno, l'Oms ha pubblicato nuove linee guida per la qualità dell'aria degli ambienti chiusi, in cui si raccomanda di migliorare l'accesso a fonti di energia pulita, come gas naturale, etanolo, elettricità e gas di petrolio liquefatto, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito.

Circa tre miliardi di persone nel mondo non hanno accesso a combustibili puliti e tecnologie per cucinare, riscaldare e illuminare. Alcune delle sostanze inquinanti rilasciate dalla bruciatura riducono la risposta immunitaria, la capacità del sangue di trasportare ossigeno, causano infiammazioni e ischemie e altri disturbi fisiologici.

Flavia Bustreo dell'Oms, rileva: "Sono soprattutto donne e bambini, che trascorrono la maggior parte del tempo a casa, i soggetti più a rischio. Globalmente oltre il 50% delle morti per polmonite nei bambini sotto i cinque anni sono legate all'inquinamento indoor".

Leggi qui l'articolo completo:TGCOM24