Lo Sapevi che...

all’interno degli impianti di climatizzazione ci sono le condizioni ideali per la crescita di microrganismi pericolosi per la salute umana?
Approfondisci

Informazioni o preventivi?

Puoi chiamarci allo [+39] 0385.938020 oppure

Contattaci direttamente

Alisea News

12/09/2017

Certificazione ANMDO

La gestione igienica degli impianti di trattamento aria è un elemento di fondamentale importanza, per garantire una corretta qualità dell’aria respirata in ambiente indoor.  Come molti sanno, a livello internazionale le linee guida più conosciute, complete ed evolute in questa materia sono le ACR 2013 della NADCA (The HVAC Inspection, Cleaning and Restoration Association – www.nadca.com ).

Leggi Tutto

07/07/2017

LEGIONELLA E TORRI EVAPORATIVE

Una torre di raffreddamento è uno scambiatore di calore gas-liquido nel quale la fase liquida cede energia alla fase gassosa, riducendo così la propria temperatura. L’argomento è di grande attualità in quanto le torri di raffreddamento sono gli impianti maggiormente a rischio per la proliferazione del batterio Legionella.

Leggi Tutto

Perde gambe e mano causa Legionella

La Vacanza in Italia Diventa un Incubo: Perde le Gambe e una Mano a Causa dell’Acqua

Quando Alethea Parker è arrivata nella casa colonica presa in affitto in Toscana per trascorrere una vacanza con il marito e gli amici, le è sembrata una destinazione da sogno. Ma, all’insaputa dei turisti, la casa aveva degli ‘ospiti’ molto pericolosi: i batteri della legionella. Quella settimana prevista in Italia da trascorrere in allegria, si è rivelata un incubo, e Alethea è finita in terapia intensiva per mesi

Infatti, mentre, per molte persone, la malattia del legionario ha uno status quasi mitico, (è considerata poco più di una storia dell’orrore – acqua tossica che sgorga dai rubinetti), rimane un pericolo molto reale. Fino al 15 per cento delle persone che contraggono l’infezione polmonare, causata dalla respirazione di goccioline d’acqua contaminate con i batteri aggressivi, muore. E quelli che sopravvivono possono essere lasciati con disabilità permanenti, come Alethea.

La donna di 51 anni, di Farnborough, Hampshire, era arrivata in Italia nel luglio 2010 come destinazione finale di una vacanza in auto di due settimane in giro per l’Europa con il marito Barry, ora 66enne, e un’altra coppia. Ma Alethea ben presto aveva iniziato a sentirsi molto male. ‘Avevo un fortissimo un mal di testa ed ero costantemente assetata. Mi sentivo letargica, ma avevo pensato che era un persistente stress da lavoro. Poi, verso la fine della vacanza, ho cominciato a stare male sul serio. Abbiamo pensato che fosse un’intossicazione alimentare‘.

Tornata in Gran Bretagna, le sue condizioni erano molto peggiorate e cominciava a biascicare le parole, poi era svenuta sotto la doccia. ‘Barry ha telefonato al nostro medico. Quando gli ha spiegato i miei sintomi, gli ha detto di chiamare un’ambulanza’, dice Alethea. Quando i paramedici sono arrivati, Alethea stava lottando per respirare. Era stata portata al Frimley Park Hospital nel Surrey, dove stava oramai così male che i medici le avevano indotto il coma, mentre cercavano di capire cosa avesse. A Barry, che era con la madre di Alethea, il fratello e due sorelle, avevano detto che era gravissima e aveva contratto la malattia del legionario. ‘Ne avevo sentito parlare, ma non avevo idea di quanto fosse grave‘, dice oggi il marito. ’Siamo tutti scoppiati in lacrime quando il medico ci ha detto che avrebbe potuto morire‘.

Leggi qui l'articolo completo: Leggilo.it