Lo Sapevi che...

la Normativa Nazionale prevede che gli impianti aeraulici vengano periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori?
Approfondisci

Informazioni o preventivi?

Puoi chiamarci allo [+39] 0385.938020 oppure

Contattaci direttamente

Alisea News

12/09/2017

Certificazione ANMDO

La gestione igienica degli impianti di trattamento aria è un elemento di fondamentale importanza, per garantire una corretta qualità dell’aria respirata in ambiente indoor.  Come molti sanno, a livello internazionale le linee guida più conosciute, complete ed evolute in questa materia sono le ACR 2013 della NADCA (The HVAC Inspection, Cleaning and Restoration Association – www.nadca.com ).

Leggi Tutto

07/07/2017

LEGIONELLA E TORRI EVAPORATIVE

Una torre di raffreddamento è uno scambiatore di calore gas-liquido nel quale la fase liquida cede energia alla fase gassosa, riducendo così la propria temperatura. L’argomento è di grande attualità in quanto le torri di raffreddamento sono gli impianti maggiormente a rischio per la proliferazione del batterio Legionella.

Leggi Tutto

Riaccensione riscaldamenti

Clima: si riaccendono i riscaldamenti, dieci consigli contro sprechi e inquinamento

Da oggi, infatti, a Milano e in gran parte della Pianura lombarda si possono accendere i riscaldamenti, ma il calendario delle caldaie non viaggia di pari passo con l'andamento del clima: il mese di ottobre 2014 ha infatti mostrato finora temperature medie di poco inferiori ai 19°C, valori superiori di circa 2 - 3 gradi rispetto a quelli tipici del periodo e compatibili con una condizione ottimale di comfort termico all'interno di uffici, scuole e abitazioni. Questa situazione è destinata a durare ancora per diversi giorni, rendendo del tutto inutile il ricorso all'impianto di riscaldamento nelle case e nei luoghi di lavoro.

È dunque la mitezza di questo autunno che consiglia di guardare al termometro, anziché al calendario, per decidere se è il momento di rimettere in funzione le migliaia di impianti termici della città. Questa è l'indicazione che Legambiente dà a tutti i gestori di impianti termici, siano caldaie di singole utenze o grandi reti condominiali, impianti di complessi industriali o terziari, uffici pubblici. "Il primo consiglio che ci sentiamo di dare a tutti i milanesi è quello di tenere spenta la loro caldaia - dichiara Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia - il secondo consiglio è quello di dotare il proprio impianto di buoni sistemi di termoregolazione, specialmente nei luoghi di lavoro e negli uffici pubblici, per evitare di avere locali inutilmente surriscaldati. Un autunno mite permette di risparmiare sulle spese di riscaldamento e di evitare di contribuire all'inquinamento atmosferico, perché non approfittarne?" L'associazione ha in proposito inviato una richiesta all'assessore Maran, proprio per chiedere di tenere spenti gli impianti negli edifici pubblici, ma anche per procedere all'aggiornamento delle scadenze di accensione e spegnimento, tenendo conto delle nuove evidenze climatiche.

Questi giorni di tregua dal freddo sono anche l'ultima occasione della stagione per mettere in atto tutti i consigli che permettono di evitare sprechi ed emissioni inquinanti evitabili in vista dell'inverno:
1. Regolate i termostati per una temperatura interna di non oltre 20°C, e se avete un impianto con cronotermostato impostate temperature più basse per le ore notturne e per quando siete fuori casa.
2. Se avete già installato le valvole termostatiche ai termosifoni, regolatele su temperature più basse nella zona notte;
3. Ispezionate i serramenti, specie se vecchi, per individuare spifferi e chiuderli utilizzando fasce adesive in materiali isolanti;
4. Provvedete alla verifica (obbligatoria con cadenza biennale) dell'impianto termico e dei fumi, anche per evitare sanzioni;
5. Regolate la temperatura dell'acqua calda sanitaria a 40° C e, se avete uno scaldacqua o una caldaia elettrica, sostituitela con un impianto a gas, usando modelli ad alta efficienza (a condensazione per le caldaie);
6. Se avete un impianto autonomo, regolatelo alla temperatura dell'acqua più bassa possibile, e comunque sotto i 50°C: eviterete l'annerimento di pareti e soffitti e ridurrete l'inquinamento indoor;
7. Effettuate il ricambio d'aria spalancando le finestre solo per pochi minuti, scegliendo se possibile le ore del primo pomeriggio;
8. Al calar del sole, chiudete serrande e tapparelle;
9. Collocate pannelli isolanti all'interno delle casse degli avvolgibili, tra i termosifoni e le pareti esterne, ed eliminate tutto ciò che può ostacolare la circolazione dell'aria tra gli elementi riscaldanti e al di sopra del termosifone;
10. Non dimenticate i consumi elettrici: se avete ancora lampade a incandescenza o alogene, sostituitele con luci a led di buona qualità, scegliete nuovi elettrodomestici solo in classe A o superiore, ricordatevi di spegnere gli stand by, aprite lo sportello del frigorifero solo per lo stretto indispensabile;

Seguendo questi consigli sono possibili risparmi anche del 15% sulla bolletta energetica: un vantaggio per nulla trascurabile per famiglie, imprese ed enti pubblici, anche se il vero affare continua a essere quello della ristrutturazione energetica dell'intero sistema edificio-impianto, soprattutto in presenza degli incentivi che il Governo ha promesso di ripristinare con la legge di stabilità.

Leggi qui l'articolo completo: Alternativa Sostenibile